>
indietro città
amelia
 
UN VIAGGIO NEL TEMPO

Anticamente nota con il nome di “Ameria”, dal nome del suo fondatore Ameroe, fu città di confine, prima umbra poi romana. Lo scrittore latino Catone, vissuto alla fine del II secolo a.C., le attribuiva una fondazione antichissima, nel 1134 a.C.
Amelia vanta numerose testimonianze del suo passato: la monumentale cinta muraria, le chiese, i numerosi palazzi rinascimentali, i resti di mosaici e terme.
La cittadella preromana occupava la sommità dello sperone roccioso a picco sul Rio Grande. La popolazione si distingueva per lingua e cultura dai vicini Etruschi, con i quali intrattenne frequenti traffici commerciali. In età romana era un centro fiorente dell'Umbria antica lungo la via Amerina, tanto da essere annoverata tra le città più importanti, con la possibilità di coniare una moneta propria e diventare municipio nel 90 a.C., dopo l’alleanza con Roma.
Il centro era famoso soprattutto per le sue produzioni agricole. Fiorente era anche l'industria di laterizi (mattoni e tegole), favorita dalla presenza di ricchi depositi di argilla. Nel corso del VI secolo d.C. Amelia subì devastazioni a causa delle invasioni barbariche e fu quasi distrutta dai Goti.
Nel Medioevo si costituì in libero comune: scritti risalenti alla metà del XIV secolo recano notizia dell’invio ad Amelia di un podestà da Roma. Tale circostanza viene rievocata ogni anno nello storico "Palio dei Colombi". Nel 1307 si sottomise allo Stato Pontificio, del quale fece parte fino all'Unità d'Italia.


DA NON PERDERE

- Il circuito museale cittadino
- Una passeggiata lungo le antiche mura poligonali
- Cattedrale di Santa Fermina con la vicina torre dodecagonale
- Palazzo Farrattini
- Teatro sociale settecentesco, interamente in legno, dai meccanismi scenici perfettamente funzionanti
- Ex oratorio e Chiesa del Crocifisso, con la tela raffigurante la Carità di Sant'Omobono
- Uno sguardo al panorama dal Belvedere della Cattedrale, da Via Cavour o da Porta della Valle
- Resti del monumento funerario in località “Trullo”
- Convento francescano della SS. Annunziata
- Percorso naturalistico lungo il fiume Rio Grande
- L’assaggio di due piatti tipici: il piccionaccio e i fichi secchi farciti con cioccolata e frutta secca


UMBRIA MUSEI DIGITAL EDITION
Scarica AMELIA - UMBRIA MUSEI DIGITAL EDITION su App Store e Google Play.

App Store: https://itunes.apple.com/it/app/amelia-umbria-musei-digital/id952363060?mt=8
Google Play: https://play.google.com/store/apps/details?id=it.sesinet.ebook.museiamelia
amelia amelia amelia amelia
 
 
tem
tem
 
Terre&Musei dell'Umbria © 2017 All right reserved
Credits: Sistema Museo; Dream Factory design - Cookies Policy - login